TUTTO SUI PRESTITI

Un prestito è un finanziamento in denaro che un istituto o società di credito concede a un soggetto al fine di acquistare uno o più beni e/o servizi..

I motivi per cui comunemente si richiede un prestito sono:

  • l’ acquisto di beni di consumo
  • la ristrutturare di un immobile
  • il saldo di altri debiti
  • la necessità immediata di liquidità, quindi il bisogno di disporre subito di denaro contante.

Nel contratto di prestito vi è quindi un creditore, la banca, che eroga un capitale al debitore, ossia colui che richiede il prestito. Quest’ultimo si impegna a restituire alla banca entro una determinata scadenza la somma ricevuta in prestito.

Il creditore, in cambio del servizio che offre, riceverà dal debitore una somma supplementare costituita dagli interessi sul denaro prestato. Questi interessi vengono calcolati attraverso dei tassi d’interesse, che variano nella formula e nella percentuale a seconda del contratto.

Con la banca si stabilisce al momento della stipula del prestito quale sarà l’ammontare degli interessi che il debitore dovrà pagare.

Come ottenere un prestito

Prima di tutto per poter ottenere un prestito servono delle garanzie per la banca, sulle quali la banca avrà la possibilità, in caso di insolvenza del debitore, di rifarsi per ottenere la somma prestata.
In caso non vi siano garanzie soddisfacenti la banca difficilmente sarà propensa a concedere il prestito.

Poi, nell’analisi di fattibilità che un istituto di credito fa di un potenziale debitore per verificare le possibilità di solvenza di questo, vi è il patrimonio ed il reddito di chi richiede il prestito; in relazione alla sua entità la banca eventualmente eroga il prestito. Quindi chi ha un reddito basso difficilmente otterrà un prestito elevato.

Oltre al reddito e alla situazione patrimoniale la banca fa una analisi della affidabilità del richiedente, anche relativamente al suo storico di pagatore, ovvero con riferimento ad altri prestiti ottenuti ed in base al loro esito.

Esame di Fattibilità

Normalmente l’assegnazione di somme di denaro avviene dopo una serie di controlli preliminari che vertono sulla situazione economica e professionale del richiedente. Tanto maggiori sono i capitali per cui si chiede un prestito, tanto maggiori saranno i controlli effettuati sulla solvibilità del richiedente.

Quindi ad essere vagliata sarà la situazione patrimoniale e redditizia del soggetto richiedente, anche attraverso controlli sulla solvibilità dello stesso che permettano di valutare la sicurezza della restituzione del prestito.

Prestito Finalizzato e Non Finalizzato

Il prestito può essere finalizzato o non finalizzato:

  • nel caso dei prestiti finalizzati il cliente specifica la finalità del prestito (ad es.: acquisto di un bene) e a questa è obbligato
  • nel caso di prestiti non finalizzati il cliente non ha alcun vincolo di destinazione ed è libero di disporre della somma richiesta in prestito all’istituto di credito.

Generalmente i prestiti finalizzati hanno una routine molto più semplice e rapida, tanto che talvolta sono erogati dallo stesso punto vendita di un bene.

Le differenti tipologie di Prestiti:

Lascia un tuo Commento

La tua mail non sara pubblicata


*