LE RATE DEL MUTUO

La rata di un mutuo è un pagamento periodico che viene effettuato al fine di estinguere il debito contratto con la banca. La frequenza dei pagamenti (mensile, trimestrale, etc.) è stabilita in un piano di ammortamento concordato nel contratto di mutuo.

Le rate sono composte da due parti, una relativa alla restituzione del capitale, con l’estinzione graduale del debito, e l’altra relativa al pagamento degli interessi.

La riduzione del capitale avviene in modo progressivo: dal principio si pagano maggiormente interessi e con l’avanzare della restituzione del capitale l’ammontare degli interessi diminuisce.

Ritardo nei pagamenti delle rate: interessi di mora e pignoramento

Se non viene pagata una rata del mutuo, la prima conseguenza è il pagamento degli interessi di mora per risarcire il creditore del danno derivante dal ritardato pagamento della rata. Precisiamo. però, che si parla di un ritardo di pagamento quando una rata viene pagata tra il 30° ed il 180° giorno dalla scadenza della rata.

I tassi degli interessi di mora sono più alti, da 2 a 4 punti percentuali, rispetto al tasso pattuito per il mutuo.

Se si verifica un ritardo nel pagamento della rata per almeno sette volte la banca può invocare questo motivo come causa per la risoluzione del contratto.

La banca potrà invocare la risoluzione al decorrere del termine di 180 giorni dalla scadenza di ogni singola rata per almeno sette volte e senza che il debitore abbia pagato. Quindi la banca potrà immediatamente richiedere al debitore il capitale restante e una porzione degli interessi che devono ancora maturare.

Ciò può significare che qualora il debitore non abbia disponibilità finanziaria per venire incontro a tali richieste, la banca potrà procedere a rifarsi sulle garanzie, ed eventualmente si provvederà al pignoramento dell’immobile posto a ipoteca del mutuo e alla sua vendita all’asta.

Momentanea impossibilità al pagamento delle rate

Quando per una imprevista evenienza il debitore abbia dei problemi momentanei a versare le rate, si rende necessario un incontro con il direttore dell’istituto mutuante in modo da vagliare un piano di rientro in grado di accomodare la situazione.

Nel definire gli accordi è importante, da parte del mutuatario, l’assunzione di impegni che potrà rispettare. In caso contrario, potrebbe essere molto difficile ottenere ulteriori dilazioni nel pagamento delle rate.

2 Comments on "LE RATE DEL MUTUO"

  1. salvatore | at 15:00 | Rispondi

    salve se la rata del mutuo scade il 31 marzo di domenica o 30 di sabato la banca quando deve riscuotere la rata di venerdi 29 semi potete aiutare su questo argomento grazie

  2. Jacopo Rauch | at 17:46 | Rispondi

    Salve. Se, per caso, ho ritardato sette volte il pagamento di una rata, ma la banca non mi ha chiesto la risoluzione del contratto, potrà comunque farlo in futuro, a suo piacimento, anche se sarò in regola con i pagamenti d'ora in avanti?
    Grazie
    Jacopo

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Il costo di preammortamento nei mutui

Rispondi a Jacopo Rauch Annulla risposta

La tua mail non sara pubblicata


*