PRESTITI INPDAP

L’INPDAP (Istituto Nazionale Previdenza Dipendenti Pubblica Amministrazione) sebbene non esista più di fatto dopo essere stato soppresso il 6 Dicembre 2011 con il Decreto Salva Italia del Governo Monti e le sue le funzioni siano state trasferite al principale organo di previdenza sociale, ovvero l’Inps, ad oggi continua a svolgere le attività legate ai compiti istituzionali di prima istituzione, e gestendo i trattamenti previdenziali, creditizi e sociali dei dipendenti suoi iscritti.

L’Inpdap offre la possibilità di richiedere prestiti, sulla base delle proprie disponibilità, offrendo delle agevolazioni per i propri clienti e i  loro familiari, e ai pensionati.

Principali attività dell’INPDAP:

  • incassare i contributi previdenziali e assistenziali dei dipendenti pubblici
  • erogare le pensioni ai dipendenti statali e alle altre categorie di personale i cui trattamenti di pensione sono a carico del bilancio dello Stato
  • fornire il TFR (Trattamento Fine Rapporto) ai dipendenti pubblici
  • concedere piccoli prestiti e mutui edilizi a tasso agevolato al personale iscritto
  • erogare prestazioni sociali ad iscritti, pensionati e figli di iscritti.

Prestiti INPDAP

Attraverso la Gestione autonoma per le prestazioni creditizie e sociali, l’ INPDAP fornisce diversi servizi.

  • Piccoli prestiti che consentono di ottenere (per 12, 24, 36, 48 mensilità) una somma pari a due, quattro, sei, fino a otto mensilità del proprio stipendio. Il tasso applicato si aggira intorno al 5%.
  • Prestiti pluriennali o cessioni dirette che possono essere di durata di 5 o 10 anni per una trattenuta massima non superiore al quinto dello stipendio. Il tasso di interesse effettivo applicato è inferiore al 5%.
  • Prestiti pluriennali garantiti che permettono di ottenere un prestito di durata di 5 o 10 anni tramite una finanziaria accreditata presso l’Inpdap, che funge da garante per alcuni rischi. Anche qui la rata massima non può essere superiore al quinto dello stipendio.
  • Mutui ipotecari edilizi per l’acquisto della prima casa di abitazione.

Il prestito Inpdap si divide in due forme:

  • prestito personale (fino a 120.000 euro in 120 mesi)
  • mutuo fondiario (fino a 400.000 euro in 40 anni)

Il prestito personale Inpdap si distingue a sua volta in diverse forme, principalmente per:

  • documentazione richiesta
  • destinazione della spesa
  • importo del finanziamento
  • durata del finanziamento
  • tasso d’interesse
  • anzianità d’iscrizione

Il finanziamento Inpdap può essere richiesto per l’acquisto della prima casa, costruzione di un immobile, spese mediche e/o estetiche, per cerimonie, viaggi, auto, ecc. Il servizio offre vantaggi, tra cui nessun costo di apertura contratto, nessuna commissione per eventuale estinzione anticipata nonché bassi costi assicurativi.

La domanda per accedere a un prestito Inpdap va presentata all’Ufficio Centrale dell’Istituto. Per trovare la sede più vicina alla propria città, visitate il sito ufficiale dell’INPS.

Commenta per primo su "PRESTITI INPDAP"

Lascia un tuo Commento

La tua mail non sara pubblicata


*