I Buoni Vacanze, chi può richiederli

Come abbiamo detto i Buoni Vacanze sono una agevolazione statale destinata alle famiglie particolarmente  numerose oppure con un basso reddito, che possono contare su questo sussidio per trascorrere un periodo di vacanza.
Sono concessi una sola volta per nucleo familiare e possono avanzare la richiesta di contributo tutti i cittadini italiani e dell’Unione Europea, che risiedono in Italia, che hanno raggiunto la maggiore età, con un nucleo famigliare composto da uno o più persone secondo i criteri stabiliti dalla tabella di reddito riportata di seguito.

Numero
componenti
nucleo
familiare
(1)
Redditi lordi
del
nucleo familiare
(2)
Importo massimo
del valore
dei buoni
ai fini del calcolo
del contributo
(3)
Percent.
di
contributo
statale
(4)
Corrispondente
importo della
riduzione
applicata
(5)
Importo
a carico
del richiedente
da versare
in Banca
(6)
1 da 0 a € 10.000 € 500,00 45% € 225,00 € 275,00
1 da € 10.000 a € 15.000 € 500,00 30% € 150,00 € 350,00
1 da € 15.000 a € 20.000 € 500,00 20% € 100,00 € 400,00
2 da 0 a € 15.000 € 785,00 45% € 353,25 € 431,75
2 da € 15.000 a € 20.000 € 785,00 30% € 235,50 € 549,50
2 da € 20.000 a € 25.000 € 785,00 20% € 157,00 € 628,00
3 da 0 a € 20.000 € 1.020,00 45% € 459,00 € 561,00
3 da € 20.000 a € 25.000 € 1.020,00 30% € 306,00 € 714,00
3 da € 25.000 a € 30.000 € 1.020,00 20% € 204,00 € 816,00
4 e oltre da 0 a € 25.000 € 1.230,00 45% € 553,50 € 676,50
4 e oltre da € 25.000 a € 30.000 € 1.230,00 30% € 369,00 € 861,00
4 e oltre da € 30.000 a € 35.000 € 1.230,00 20% € 246,00 € 984,00

I Buoni sono emessi in tagli da 5,00 e da 20,00 euro, di conseguenza gli importi richiedibili devono essere scomponibili in 5 euro.

I Buoni Vacanze possono essere richiesti una sola volta da un  nucleo familiare, nel corso di un anno solare, ossia dal 1° gennaio al 31 dicembre. Il richiedente dovrà inoltre dichiarare, ai sensi del D.P.R. 445/2000, che il proprio nucleo familiare si trova nella condizione socio-economica ( riferimento ISEE in corso di validità nell’anno corrente) prevista dalla sopracitata tabella. Sono attribuiti fino ad esaurimento dei fondi disponibili, sulla base del criterio di priorità cronologica di invio della richiesta, contemporaneo al versamento dell’importo residuo a carico del richiedente, presso la Banca.

I Buoni Vacanze sono dei veri e propri voucher, molto simili ai Buoni pasto, vengono stampati su una  carta denominata anti-falsificazione, contenente una filigrana individuabile mettendo il foglietto in controluce, delle micro linee di sicurezza ed una  stampa fluorescente sul retro. In poche parole vengono adoperate le garanzie di sicurezza usate anche per le banconote. Inoltre, per rendere i Buoni Vacanze ancora più sicuri l’Associazione Buoni Vacanze Italia e la Presidenza del Consiglio dei Ministri, hanno deciso di apporre anche il loro logo.

Commenta per primo su "I Buoni Vacanze, chi può richiederli"

Lascia un tuo Commento

La tua mail non sara pubblicata


*