Conti correnti ordinari, conti correnti a pacchetto e conti in convenzione

La scelta del conto corrente non è cosa semplice. La maggior parte delle volte ci facciamo condizionare dalle pubblicità oppure dall’impiegato allo sportello che ci consiglia in base ai nostri utilizzi quotidiani.
Tuttavia i conti correnti si possono raggruppare in tre tipi: conti ordinari, conti a pacchetto e conti in convenzione.

I primi sono i conti per cui si paga ogni operazione che si effettua, sono conti “a consumo” e convengono soprattutto a chi effettua pochissime operazioni al mese. Il cliente potrebbe risparmiare qualche soldo visto l’utilizzo scarso.

I conti a pacchetto invece sono oramai quelli più diffusi e si possono dividere in due sottospecie: con franchigia e senza franchigia. La prima comprende un numero limitato di operazioni gratuite la seconda prevede un numero illimitato di operazioni gratuite.

Infine ci sono i conto correnti in convenzione. Questi conti prevedono agevolazioni in base ad accordi prestabiliti con determinate categorie di clienti.

Considerate che spesso i conti a pacchetto garantiscono gratuità fino a un numero di operazioni piuttosto alto. Per cui il conto ordinario finisce per diventare inutile, visto il costo zero dei conti a pacchetto.

Fonte ilfaromag.com,solofinanza.it,altroconsumo

Commenta per primo su "Conti correnti ordinari, conti correnti a pacchetto e conti in convenzione"

Lascia un tuo Commento

La tua mail non sara pubblicata


*