Conti dormienti, banca Intesa spiega la norma e pubblica l’elenco

Con un comunicato stampa, Banca Intesa spiega il funzionamento dei conti dormienti e pubblica l’elenco dei conti dichiarati tali e quindi estinti.

Per mantenere un conto “in vita” dovete effettuare almeno un’operazione sul vostro conto in un tempo di 10 anni. Se ad esempio il denaro depositato è fermo dal 1980 senza aver effettuato movimentazioni verrà classificato come dormiente.
In conseguenza verrà riferito all’intestatario (tramite raccomandata R/R) un ultimatum di 180 giorni per reagire alla comunicazione.
Basterà rispondere per iscritto l’intenzione di mantenere il conto corrente aperto oppure effettuare un’operazione per “resuscitare” il deposito.

Nel caso contrario la banca devolverà il vostro denaro ad un fondo pubblico.

Fate attenzione!!!
La legge è retroattiva!!! Per questo motivo i conti passati rientrano già nella normativa. Banca Intesa ha pubblicato l’elenco dei conti spediti al ministero dell’economia e arrivano a date risalenti gli anni 60.

Sinceramente non mi aspettavo un elenco così lungo, oltre 50 pagine di conti dormienti!!

Se vi è arrivata la comunicazione bancaria non ignoratela, ma recatevi alla vostra filiale più vicina per maggiori informazioni.

Elenco conti dormienti estinti al 31.12.2009

Fonte comunicato stampa Banca Intesa

2 Commenti a “ Conti dormienti, banca Intesa spiega la norma e pubblica l’elenco”

  1. GRAZIA dice:

    SE LA BANCA NON HA SPEDITO NESSUNA COMUNICAZIONE AL CLIENTE ED HA PASSATO I SOLDI AL FONDO PUBBLICO COSA BISOGNA FARE?

    SALUTI

  2. pia dice:

    come devo comportarmi se la banca dice che i soldi sono nel fondo pubblico



E te cosa ne pensi? Lascia un commento o parla della tua esperienza


Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.