Tassi d’interesse semplice e composto

percentuale.jpg
I tassi d’interesse in economia, non sono semplicemente una percentuale, ma vengono determinati anche relativamente alla durata del prestito.

Gli interessi si possono calcolare sia sul capitale ed in questo caso è un tasso semplice, mentre se gli interessi si sommano al capitale e generano altri interessi, parliamo di tassi d’interesse composti.

I tassi semplici hanno la formula matematica seguente M= C + Cit.
Ovvero il Montante è uguale al Capitale più Tasso percentuale (i) moltiplicato per il tempo e per il Capitale.

I tassi composti si possono dividere in tre categorie:

  • Discontinuo annuo
  • Discontinuo convertibile
  • Continuo
  • Il discontinuo viene calcolato annualmente ed ha formula matematica: M=C(1+i)^n

    Il montante è uguale al capitale più gli interessi elevato al numero di anni per cui prosegue il prestito.

    Il discontinuo convertibile prevede l’inserimento del parametro t, ovvero di quante volte in un anno viene calcolato il tasso, per cui la formula: M=C(1+i)^nt

    Il Montante è uguale al Capitale più gli interessi elevato al numero di anni per cui prosegue il prestito(n) moltiplicato per il numero di volte in cui viene calcolato il tasso d’interesse(t).

    Infine abbiamo il tasso continuo, chiamato così perchè calcolato in ogni istante.
    La sua formula matematica è: M=C(1+r/t)^nt

    In questa formula si inserisce il parametro r, ovvero il Capitale viene sommato ad un tasso d’interesse diviso con un certo tot di periodi ed infine elevato(^) al numero di anni per il numero di periodi.

    Fonte Wikipedia

    Commenta per primo su "Tassi d’interesse semplice e composto"

    Lascia un tuo Commento

    La tua mail non sara pubblicata


    *